venerdì 24 settembre 2010

Ringrazio i Miei Lettori

Oggi per la prima volta ho ricevuto una grande soddisfazione. Il mio Blog dal 24 Agosto al 24 Settembre 2010 a ricevuto 1.404 visite.

Silvana Di Cristofano Blog Visite Ricevute
Sono sicura che questo è dovuto principalmete al fatto di aver scritto su tematiche molto più attuali e meno targetizzate, così come facevo qualche tempo fa. Ha inoltre contribuito il fatto di aver accorciato i testi che prima erano forse un pò troppo lunghi.

Ringrazio pertanto i miei lettori, spero di essere sempre migliore e offrirvi puntualmente contenuti di alta qualità.




lunedì 20 settembre 2010

Il Veleno dello Scorpione Azzurro Cubano per la Cura delle Malattie Tumorali

Sempre più spesso si sente parlare di un farmaco prodotto a Cuba ricavato dal veleno dello scorpione azzurro, i cui effetti sembrano essere molto positivi per la cura di malattie tumurali. Sebbene la terapia sia ancora in fase del tutto sperimentale, un numero sempre crescente di persone si reca a Cuba per poter portare a casa la pozione "miracolosa".

Si chiama Escozul e viene fornita a pazienti provenienti da tutto il mondo in possesso di referti medici che attestino la reale esistenza di una malattia tumurale. Prodotto dall'azienda Labiofan, il veleno di scorpione sarebbe particolarmente efficace contro il tumore al colon, al cervello, ai polmoni e al seno.


Sebbene non ci siano ancora prove concrete sulla reale efficacia del veleno di scorpione azzurro per la cura del cancro, numerosi sono i malati di tumore italiani che si recano a Cuba (o mandano un parente) al fine di poter portare a casa almeno una bottiglietta di Escozul, il più delle volte gratuitamente.





Nessuna rivista medica italiana ha ancora mai affrontato il problema, nonostante siano numerosi i medici che conoscono l'Escozul e che hanno effettivamente trovato dei miglioramenti nei propri pazienti.

Purtroppo non si conoscono persone che siano sopravvissute al cancro assumendo pozioni di Escozul, ma come condannare chi, in preda alla disperazione, tenta anche ciò che la medicina non è ancora riuscita a studiare?



domenica 12 settembre 2010

Costruire un Salvadanaio Originale

Dopo aver trascorso un'intera estate a fare shopping e a bere drink con gli amici, arrivano i primi sensi di colpa sull'enorme quantità di soldi spesi. Ecco perchè è quasi sempre al finire della calda stagione che si decide di risparmiare e di comprare un nuovo salvadanaio. Se l'intenzione è poi quella di risparmiare persino sull'acquisto del salvadaio, allora ecco un'idea originale su come costruirne uno del tutto particolare.

Occorrente:


Scatola per salvadanaioUna piccola scatola di cartone, preferibilmente stretta e lunga. Pensate ad esempio alle scatole delle bomboniere che avete ricevuto ai matrimoni cui avete partecipato durante l'estate.

Un cartoncino A4, preferibilmente di un colore che s'intoni alla vostra scatola. In questo caso per la scatola marrone ho scelto un cartoncino bianco.


Una matita, un paio di forbici e della colla.


Procedimento:


Margherite su cartoncinoDisegnare sul cartoncino bianco delle margherite di dimensioni diverse e ritagliarle accuratamente con le forbici. Riservare una parte del cartoncino a 2 fiori più grandi che serviranno ad abbellire la fessura del nostro salvadanaio. Questi ultimi nel particolare dovranno essere disegnati per metà; l'altra metà servirà infatti per essere incollata al di sotto della fessura del nostro salvadanaio.

Fiore per SalvadanaioRealizzare pertanto un taglio nella parte superiore della scatola, larga quanto basta all'inserimento delle monete. Incollare quindi una metà del fiore all'interno e lasciare fuoriuscire l'altra parte di fiore all'esterno del salvadanaio.


Fiori da incollare su cartoncinoIniziare a incollare le margherite sul cartoncino in maniera disordinata o seguendo un ordine particolare che si preferisce. In questo caso accanto alle margherite più grandi sono state incollate margherite più piccole.
Lasciare asciugare il tutto e il salvadanaio è pronto.

SalvadanaioChe il vostro risparmio invernale abbia inizio!










lunedì 6 settembre 2010

Scarpe: Moda Autunno Inverno 2010 - 2011

Ci si prepara per le nuove tendenze della moda autunno - inverno 2010/2011; scarpe, stivali e calzature di tutti i tipi nell'cchio del mirino. L'assalto alle boutique più prestigiose e all'avanguardia ha inizio.

Scarpe Autunno Inverno 2010Tra le calzature più gettonate spiccano sicuramente stivali dal tacco altissimo con suola anti scivolo le cui tonalità sono blu, nero e grigio. Di moda il camoscio ingrassato impermeabile con rivestimento interno, capace di sopportare temperature al di sotto dei 12°C. Decorazioni geometriche e modelli sobri adatti sia all'ufficio che a una serata tra amiche. Passano di moda le calzature verniciate, per l'inverno 2010-2011 si preferisce l'opaco.

Per serate eleganti o eventi particolari, stivali brillantinati con tacco a spillo così come scarpe di raso con colori sgargianti. Successo anticipato per le scarpe di pizzo il cui scopo è di creare l'effetto del "vedo-non-vedo" tipico della biancheria intima.


Scarpe Pantalone 2011Ancora largamente diffuso l'uso del plateau, che consente di indossare tacchi vertiginosi senza troppe difficoltà. In più vige la legge del plateau nascosto, la nuova frontiera della calzatura "truccata". E che dire delle decorazioni accessorie che rendono la calzatura audace o classica a seconda dell'esigenza.

Ma una larga fetta di persone preferisce lo stivale invernale comodo. E allora c'è davvero l'imbarazzo della scelta! Pellicciotti interni e tessuti trattati e impermiabili rendono comode e calde le serate invernali che non tardano ad arrivare.


Modelli particolarissimi per chi non si accontenta facilmente e per chi vuole essere glamour in ogni momento della giornata. Scarpe colorate ed eccentriche, così come gli ormai diffusi "stivali-pantalone" in pelle e nabuk, a prova di freddo.


Scarpe Inverno 2011Infine look moderni e contemporanei investono le scarpe comode, prediligendo il comfort di mocassini e decolté con punta arrotondata.

Si riparte quindi con grande entusiasmo alla volta dell'inverno 2010-2011. Che sia la scarpa più comoda o la più glamour, l'inverno 2010-2011 e le sue nuove tendenze hanno già preso il sopravvento.


Buon divertimento!!!






mercoledì 1 settembre 2010

Marketing Virale - Farsi Pubblicità in Modo Originale e Creativo

Marketing Virale Rona vs. AppleIl marketing virale (o viral marketing) è un nuovo metodo creativo e originale di farsi pubblicità ed è scelto da un numero sempre crescente di piccole, medie e grandi imprese.

Obiettivo primario del messaggio pubblicitario del marketing virale è attirare l'attenzione in modo creativo; quello secondario firmarsi e lasciare intendere l'autore del messaggio.

Si necessita pertanto di un'idea strana, originale, insolita... per così dire "fuori dal normale" che possa non solo attirare sguardi curiosi ma che costringa le persone a volerne sapere di più, avvicinarsi fisicamente, toccare con mano la creazione unica e originale.

Marketing ViraleIl marketing virale solitamente preferisce i luoghi pubblici e le strade delle città, dove si alternano cartelloni pubblicitari, insegne luminose, manifesti. E tra questi distinguersi dando il meglio di sè, per essere riconosciuto dai comuni passanti che certamente non resteranno solo a guardare ma altresì scatteranno foto, le diffonderanno nel web, nei social network per dare luogo ancora una volta al metodo più tradizionale del "passa parola".

Il marketing virale gioca quindi sull'emotività delle persone, sull'effetto immediato e la reazione conseguente che produrrà quel sonoro "wow, figo"!

Tra le azioni di marketing virale è sicuramente da annoverare un'idea del tutto originale pensata dai produttori di vernice Rona.



Approfittando di un manifesto pubblicitario della Apple in cui sono raffigurati 9 i-Pod nano di colori diversi e dalla vernice gocciolante, la Rona ha pensato bene di deporre un ulteriore manifesto sottostante in cui si vedono 9 barattoli di vernice che raccolgono la pittura in eccesso. Il messaggio pubblicitario di marketing virale porta al suo interno persino un ulteriore significato espresso dalla frase "Nous récupérons les restes de peinture" - "Noi recuperiamo il resto della pittura" volto a evitare gli sprechi.